venerdì 26 giugno 2015

BLOG TOUR MANHATTAN BEACH: SESTA TAPPA

UNA STUDENTESSA UNIVERSITARIA
UN ATTORE HOLLYWOODIANO
16 OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE


Buonasera, lettori compulsivi!
Come vi avevo accennato, sto partecipando al blog tour di Manhattan Beach, chick lit della scrittrice spagnola Raquel Villaamil, pubblicato in Italia dalla ce italo - irlandese Libro Aperto International Publishing.



Questa è la sesta tappa del blog tour. Le altre tappe (ne sono previste otto) sono state ospitate dai seguenti blog: Ragazza in rosso Voglio essere sommersa dai libri Il cibo della mente Bookish Advisor Stelle nell'Iperuranio. Le ultime due tappe potrete trovarle su Chronicles of a Bookaholic (29 giugno) e su Leggendo Romance (3 luglio).


Prima di passare alla recensione e all'argomento di questa tappa, vorrei darvi alcune informazioni sul romanzo.


TITOLO: Manhattan Beach
AUTORE: Raquel Villaamil
EDITORE: Libro Aperto International Publishing
DATA DI USCITA: 30 marzo 2015
GENERE: Chick lit
GRAFICA: Catnip Design
PAGINE: 308
ISBN: 9781910442289

TRAMA:
Mirian è una ventisettenne di Madrid che lavora come architetto. Quando le si presenta l'occasione di frequentare un importante master a Los Angeles, la capitale del cinema, la coglie al volo, senza pensarci due volte. Per non soccombere al viaggio e alla nuova vita che l'aspetta, la ragazza decide di darsi degli obiettivi da raggiungere. Segnati su un quadernetto, questi obiettivi sono il suo centro.
Riuscirà a raggiungerli tutti? E soprattutto saranno davvero quelli i suoi obiettivi più importanti?
Tra una coinquilina un po' matta, un fantasma in camera, una sveglia che suona da sola, un computer arancione e un attore bellissimo in cerca di una sceneggiatura come fidanzato, ce la farà Miriam a non perdere la testa?

RECENSIONE:
Un romanzo accattivante, questo di Raquel Villaamil. Una chick lit fresca e divertente, ma sorprendentemente non banale. Scrivo 'sorprendentemente' in riferimento alle chick lit americane che ormai sono tutte uguali, tutte standardizzate, tutte banali. Invece, questa storia è tutto fuorché scontata.
Iniziamo presentando la protagonista, Miriam. Miriam è una ragazza normale, che studia architettura e che desidera perfezionarsi per poter svolgere al meglio il suo lavoro. E si ritrova immersa nella realtà dorata di Los Angeles senza perdere il suo disincanto. Divertente l'idea che lei conosca poco il cinema, ma senza far passare l'idea che la cosa sia troppo 'costruita'. Non è esperta di cinema, non le piace molto, ma non è completamente a digiuno da film!
Insomma, un personaggio realistico.
Stessa cosa si potrebbe dire degli altri personaggi, da Sandra, la coinquilina un po' svitata, che cerca di fare l'attrice più per la memoria di suo padre che perché lo desidera davvero, a Sean, 'attorucolo' in cerca di una sceneggiatura degna di tale nome, a Mario, il Negativo, compagno di corso di Miriam.
Personaggi complessi, tridimensionali, umani.
Molto coinvolgente anche lo stile utilizzato: descrittivo, ma non pesante. Ho particolarmente apprezzato gli scorci sui luoghi, descritti con perizia ma senza troppi particolari. E' uno stile, quello della Villaamil secco, preciso, ma anche divertente. Il suo è un umorismo diverso da quello a cui siamo abituati, ma non per questo meno funzionale o ironico.
La trama, come ho già accennato, è intrigante. Perché qui, nulla è davvero come sembra, eppure tutto segue una direzione ben precisa, nonostante le deviazioni. Che sono deviazioni improvvisate, ma semplicemente le deviazioni che ci fa compiere la vita ogni giorno, anche quando non ce ne rendiamo conto.
Insomma, è un ottimo romanzo, sicuramente da leggere, anche solo per passare piacevolmente un pomeriggio.
E ora, analizziamo insieme gli obiettivi di Miriam.

16 OBIETTIVI:
1) Arrivare a Los Angeles senza incidenti: sembra una passeggiata, vero? Arrivare in un posto - che sia Los Angeles o Madrid o Londra o qualunque altro - senza incidenti. Perché, diciamocelo, cosa può andare storto? Praticamente tutto! L'aereo può incontrare una turbolenza, il treno può accumulare ritardo, le valigie possono sparire senza lasciare traccia... E ci si può perdere nei nove terminali dell'aeroporto di Los Angeles! O non sapere leggere una cartina e finire in un altro posto, una volta usciti per le strade della città. Per fortuna, Miriam riesce a prendere l'autobus giusto...
2) Trovare il mio albergo, che il mio nome appaia nella prenotazione e che la stanza sia pulita: facile anche questo, no? Eppure chi viaggia non sarà del tutto d'accordo... Alberghi a quattro stelle che si rivelano topaie da due, prenotazioni confuse, perse, stanze piene d'insetti... Non vi è mai capitato? Fortunati! L'Hotel Kawada è vicino alla stazione, il personale gentile, la stanza carina. Altro? No, obiettivo raggiunto!
3) Trovare un alloggio più o meno decente: e questa è un'impresa, come qualunque studente fuori sede può raccontare (me compresa!) Affitti esorbitanti, stanze che sembrano uscite dal film L'esorcista, coinquilini creati da Tim Burton in persona. Anche Miriam è costretta a vedere più appartamenti prima di trovare quello giusto. Ma siamo sicuri che sia quello giusto? La stanza è bellissima, il prezzo è basso, ma se la coinquilina fosse psicopatica? O peggio: se ci fosse un fantasma?
4) Iniziare il master con il piede giusto: farsi notare dai professori, ma senza farsi odiare dai colleghi, evitare di fare brutte figure con i professori, cercare di fare al meglio gli esercizi... E nel caso di Miriam, farsi capire grazie al suo inglese non proprio perfetto! Ed evitare di fare la figura della provinciale con il professore, dicendo cosa davvero pensa del progetto vincitore del master di due anni prima: un obbrobrio!
5) Farsi degli amici: quando ci si trasferisce, non è facile incontrare subito persone con cui trovarsi in sintonia. Non sempre se ne ha subito la voglia, il tempo o semplicemente non sempre si incontrano le persone giuste. I colleghi che ti accettano nel gruppo di lavoro possono essere considerati amici? E i bellissimi modelli-aspiranti attori-aspiranti stilisti di cui si circonda Sandra - la coinquilina di Mirian - anche? Per Miriam sì. Anche perché all'inizio, meglio non essere troppo schizzinosi. Specie se sono tutti gentili e simpatici. A parte "il Negativo", si intende!
6) Buttarmi nella vita notturna di Los Angeles: e chi non lo vorrebbe? Los Angeles, le discoteche, i bar, gli attori famosi... E se vi portassero in una discoteca lungo Hollywood Boulevard? Un sogno, vero? Balli frenetici, corpi sudati, caldo bestiale... E confidenze sul terrazzino. Perché Miriam inizia a far parte del gruppo...
7) Conoscere Los Angeles: perché non si può vivere in una città del genere senza desiderare di girarla TUTTA! E se lo si fa in compagnia di un bellissimo attore - o aspirante tale (?) - che ti porta sotto la scritta Hollywood? Ci può essere qualcosa di meglio? Per Miriam sì: scoprire Los Angeles insieme alla sua sorellina. Perché le amiche e i ragazzi vanno e vengono, ma le sorelle sono sempre sorelle.
8) Uscire da Los Angeles: un fine settimana, campeggio, tenda, un attore sexy... e il suo nipotino! Un modo ideale di passare qualche giornata fuori città, no? ^_^
9) Immergermi nella cultura californiana: scrivere il finale di una sceneggiatura cinematografica e scoprire di uscire con un astro nascente del cinema sono sicuramente sintomo di appartenenza alla cultura californiana. O no?
10) Che qualche familiare si impietosisca e venga a farmi visita: in realtà, era già andata la sorella a trovarla, ma il giorno del suo compleanno anche i suoi genitori si presentano a Los Angeles. Perché della famiglia ne abbiamo sempre bisogno, nonostante tutto.
11) Uscire dalla California: qualcuno lo desidera davvero? Beh, se la destinazione fosse New York e se l'occasione fosse uno stage... Voi non lo fareste? Miriam ha qualche dubbio. E' davvero la sua grande occasione?
12) Conoscere qualche architetto importante: beh, decisamente questo è essenziale. Conoscere e farsi conoscere. E a New York ci saranno più possibilità che a Los Angeles?
13) Superare il master: e superarlo con un buon voto: in fondo, quella è la cosa principale. Miriam è andata lì per perfezionarsi e non lo dimentica di certo, pur presa dalle altre novità...
14) Sarebbe molto chiedere un lavoro duraturo?: questa è una domanda da un milione di dollari. Probabilmente sì, ma ci si deve provare. E non siamo in Italia, dove il lavoro è una mezza utopia ormai. A Los Angeles o a New York ci saranno delle occasioni per Miriam... Le coglierà?
15) Cos'altro chiedere se non una bella vacanza?: dopo aver lavorato tanto duramente, serve staccare. E dove altro si può andare se non a Venezia, durante la Mostra Internazionale del Cinema? Perché proprio lì? Magari c'entra con una sceneggiatura e con un certo attore....
16) Assistere a una partita dei Los Angeles Lakers: questa frase vi sembrerà forse senza senso, se non avete letto il romanzo. Eppure, vi è racchiuso forse tutto. E no, non posso dirvi di più, non stavolta. Volete saperlo? Leggete il romanzo!

REGOLE:
E ora, per finire, poche semplici regole per partecipare al GIVEWAY e vincere UNA COPIA DEL LIBRO:
1. segui i blog che partecipano al tour (obbligatorio) + 3 punti;
2. diventa fan delle pagine Facebook di Manhattan Beach e Libro Aperto International Publishing (obbligatorio) + 3 punti;
3. commenta almeno 2 tappe su 8 (obbligatorio) + 2 punti;
4. condividi l'Evento su Facebook (obbligatorio) + 2 punti;
5. condividi il BT su Twitter (facoltativo) + 1 punto;
6. quinta tappa del BT: raccontaci del tuo incontro imbarazzante... (facoltativo) + 3 punti;
7. sesta tappa del BT: quali sono gli obiettivi che ti proponi di raggiungere quando parti per un viaggio? (facoltativo) + 3 punti.

Per partecipare dovete cliccare qui:

A RAFFLECOPTER GIVEAWAY

Per il momento è tutto!

Biancaneve

3 commenti: